Cosa SAPERE

 

 

Montilla

Le origini della storia di Montilla risalgono all’Epoca Paleolitica inferiore, come evidenziato da alcuni utensili ritrovati nel suo municipio. Successivamente, i reperti rinvenuti nella zona del castello, dimostrarono la presenza insediamenti Tartessiani ed Iberici. Tuttavia, la comparsa di reperti archeologici dell’epoca di civilizzazione Romana nella penisola, suggeriscono che vi fosse anche una cittadina Latino-Romana. Alcuni storici attriubuiscono a Montilla il ruolo di aver ospitato nel 45 a.C. la battaglia di Munda nella quale le truppe di Giulio Cesare combatterono contro quelle di Pompeo.

Nel periodo musulmano, Montilla apparteneva alla Casa di Cabra e Cordova, la quale venne riconquistata da Fernando III tra il 1240 e il 1241 e ripopolata da coloni di Leon; nel XIV secolo venne poi assorbita dala Casa di Aguilar. LocalitÓ sorta come fortezza nel Medioevo, divenne all’inizio del secolo XVI la capitale del regno del Marchese di Priego e sarÓ proprio in questo periodo che raggiungerÓ il massimo sviluppo economico e demografico. Tuttavia, nel 1508, per ordine del re Ferdinando detto “Il Cattolico”, il castello di Montilla venne demolito come punizione per l’irriverente Primo Marchese di Priego. Fu proprio qui che nel 1453 nacque il gran capitano Gonzalo Fernßndez di Cordova e Aguilar.

Fu proprio in questo periodo che si installarono a Montilla vari gruppi religiosi, come i frati Francescani, Agostiniani, le Clarisse, i Gesuiti e le suore della Concezione. SarÓ allora quando sorgeranno personaggi religiosi illustri come San Francesco Solano, patrono della cittÓ, nato a Montilla nel 1549; San Giovanni d'Avila, che vi pass˛ gli ultimi giorni della sua vita; San Francesco Borgia, San Giovanni di Dio, ma anche importanti artisti e scrittori tra i quali Miguel de Cervantes, Inca Garcilaso de la Vega e Luis de Gˇngora y Argote.

Dall'inizio del XVII secolo, Montilla conobbe un periodo di stagnazione economica e di declino a causa di epidemie, cattivi raccolti e molte morti. Ci˛ nonostante, persiste la forza religiosa e ne Ŕ prova la fondazione dell'ordine ospedaliero di San Juan de Dios; e persiste il progresso culturale, con la creazione di due case stampatrici e la comparsa di grandi scrittori e scienziati. ╚ in questo periodo che il re Filippo IV conferisce a Montilla il titolo di CittÓ nel 1630.

SarÓ nel XVIII secolo che avrÓ inizio il recupero demografico. Nel 1711 si uniscono fra di loro la Casa Ducale di Medinaceli e il regno del Marchese di Priego. In campo economico, le esigenze del popolo verranno coperte con l'agricoltura, l'allevamento e l'artigianato. Con l'estromissione dei frati Gesuiti nel 1767, cade il livello di istruzione a causa della chiusura della scuola gesuita.

Gli eventi che si susseguono nella nazione durante il XIX secolo si rispecchiano a loro volta nella cittÓ di Montilla, dove avranno luogo gravi epidemie di colera, l'invasione francese, le misure di confisca di Mendizabal, la spedizione dei generali carlisti, l’arrivo della ferrovia e la proclamazione della la Prima Repubblica.

Nel XX secolo, nonostante in campo politico persista la presenza repubblicana, va comunque sottolineata l'importanza del socialismo. Nel contesto socio-culturale, spicca la figura di Don Francisco de Alvear, Conte della Cortina, che incoraggia l'arrivo di nuove comunitÓ religiose come quella Salesiana e quella di “Esclavas del Divino Corazˇn”, entrambe dedite alla didattica, e il ritorno della “Compa˝Ýa de Jes˙s”. Inoltre, il Conte della Cortina, acquista la Casa dell’Inca Garcilaso de la Vega per donarla alla cittÓ di Montilla per albegervi la biblioteca pubblica.

Con la crescita del settore vitivinicolo e delle botteghe commerciali, le corporazioni artigiane perdono importanza e la cittÓ raggiungerÓ fama mondiale con la produzione di ottimi vini, diventando dal 1944 il nucleo pi¨ rilevante della Denominazione di Origine Montilla-Moriles.

Oggi, Montilla Ŕ una cittÓ moderna che si trova nel cuore della Regione Autonoma di Andalusia, a circa 40 km a Sud di Cordova. Grazie all’autostrada A-45 che collega Cordova e Malaga, Montilla Ŕ ben collegata da reti stradali. Mentre Cordova la si raggiunge in mezz'ora, Malaga e la Costa del Sol si trovano a poco pi¨ di un'ora di distanza. Altre capitali di provincia andaluse come Granada e Siviglia si raggiungono in un'ora e mezza di macchina.

Montilla Ŕ nota per la sua lunga tradizione vitivinicola dato che Ŕ da questa zona che provengono i vini DOC di Montilla-Moriles. Ai visitatori non solo viene data la possibilitÓ di visitare alcune delle cantine di vini locali o di seguire il circuito turistico di Lagares, ma anche di conoscere il carattere religioso della cittadina e di ripercorrere le strade e i luoghi frequentati da San Giovanni d’Avila, i cui resti riposano in questa cittÓ.

Monumenti e Musei

Edifici Civili

Castello di Montilla
Attualmente chiuso al pubblico per lavori in corso. I fienili del castello albergheranno il futuro Museo del Vino.

Comune di Montilla e anticha Chiesa dell’Ospedale di San Juan de Dios
Orario di visita:
Lunedý a Domenica: 8.00h – 22.00h

Casa-Museo dell’Inca Garcilaso de la Vega (Ufficio d’Informazione Turistica)
Orario di visita:
Lunedý a vernerdý: 10.00h – 14.00h e 16.30h – 18.30h
Orario estivo: (dal 15 luglio al 15 settembre)
Lunedý a vernerdý: 9.00h – 14.00h
Fine settimana e festivi: 11.00h – 14.00h
Chiuso: 1 maggio, 14 luglio, 1 gennaio, 25 dicembre, Venerdý Santo.
Mercoledý: chiuso

Casa-Oratorio di San Juan d’Avila
Orario di visita:
Martedý a venerdý: 11.00h – 12.30h e 17.00h – 18.00h
Sabato: 10.00h – 13.00h e 16.00h – 18.00h
Domenica: 11.00h – 13.00h
Lunedý: chiuso

La Tercia
ProprietÓ privata. Solo visite da fuori. PossibilitÓ di accesso al cortile interno centrale.

Casa de las Aguas
Orario di visita:
Martedý a venerdý: 10.00h – 14.00h e 17.30h – 19.30h
Sabato: 11.00h – 14.00h e 17.30h – 19.30h
Domenica e festivi: 11.00h – 14.00h
Lunedý: chiuso
Alberga il Museo Garnelo (la maggior collezione di quadri di JosÚ Garnelo e Alda) e la Fondazione Biblioteca Manuel Ruiz Luque (oltre 30.000 libri).

Palazzo Duques de Medinaceli
ProprietÓ privata. Solo visite da fuori.

Museo Storico Locale
Orario di visita:
Martedý a venerdý: 10.30h – 14.00h
Sabato e domenica: 11.00h – 13.30h
Mostra di oggetti delle culture iberica, romana, visigota, musulmana e cristiana, ma anche oggetti d’interesse etnografico.

Colegio de la Asunciˇn
Orario di visita:
Lunedý a venerdý: 8.00h – 20.00h
Si possono visitare l’entrata e il cortile.

Edifici religiosi

Parrocchia di Santiago Apostol
Orario di visita:
Martedý a sabato: 11.00h – 13.00h e 18.00h – 20.00h
*I venerdý fino alle 21:00h per venerare le immagini di Ntro. Padre Jes˙s Nazareno e M¬ Stma. de los Dolores.
Domenica: 10.00h – 14.00h

Santuario San Juan de ┴vila
Orario di visita:
Martedý a sabato: 8.00h – 14.00h e 17.00h – 19.30h
Domenica: 9.00h – 14.00h e 17.00h – 19.30h
Lunedý: chiuso
Orario Santa Messa
Lunedý a sabato: 9.00h e 19.30h
Domenica: 10.00h e 19.30h

Parrocchia di San Sebastißn
Orario di visita:
Lunedý a domenica: 19.30h – 20.30h
Orario Santa Messa: 20.00h
Visite di mattina, previo appuntamento.

Parrocchia di San Francisco Solano
Orario di visita:
Lunedý a domenica: 10.30h – 12.00h e 18.45h – 20.30h
Orario Santa Messa: 20.00h
Visite per gruppi previo appuntamento

Convento di Santa Clara
Orario di visita:
Martedý, mercoledý, vernerdý, sabato e domenica
Mattino: 11.00h e 12.00h
Pomeriggio: 17.00h (inverno)
Pomeriggio: 17.30h e 18.30h (estate)
Lunedý e giovedý: chiuso
Numero di persone: min. 4 persone
Entrata: 4,00 EUR/persona
Durata: 50 min.
Tutte le entrate previo appuntamento (Tel. 630 - 488 047)

Chiesa di Santa Clara
Orario di visita:
Solo mercoledý: 9.00h – 20.00h
Orario Santa Messa: martedý 8.00h e domenica 9.00h

Convento di Santa Ana
Orario di visita:
Lunedý a vernerdý: 10.00h e 11.00h (previo appuntamento)
Orario Santa Messa:
Lunedý a sabato: 16.30h – 18.00h
Domenica: 12.00h e 16.30h – 18.00h

Chiesa-Santuario di MarÝa Auxiliadora
Orario Santa Messa: sabato e giorno 24 ogni mese alle 20.00h
Visite guidate: previo appuntamento

Ermita del Santico
Solo previo appuntamento.

Ermita de San JosÚ
Orario di visita: (solo previo appuntamento)
Orario Santa Messa: Sabato alle 18.30h

Ermita de la Rosa
Orario di visita: (solo previo appuntamento)
Orario Santa Messa: Sabato alle 18.30h

Chiesa di San AgustÝn
Orario:
Lunedý a domenica: 10.00h – 20.00h (previo appuntamento)
Si visita il cortile e la chiesa.

Ermita de BelÚn
Orario di visita:
Lunedý a sabato: 10.00h – 14.00h e 17.00h – 20.00h (previo appuntamento)
Orario Santa Messa:
Prima domenica di tutti i mesi alle 18.00h. Ad aprile e maggio alle 18.30h e a giugno alle 19.00h

Ermita de la Merced
Orario di visita: solo previo appuntamento
Orario Santa Messa: Mercoledý alle 19.30h

Parrocchia di Nuestra Sra. de la Asunciˇn
Orario di visita: 30 minuti prima di ogni Messa
Orario Santa Messa:
Lunedý, martedý, venerdý e sabato: 19.30h
Domenica: 12.30h e 19.30h 
Mercoledý e giovedý: chiuso

Contatto

Administrazione Montilla
C/ Puerta de Aguilar 1
14550 Montilla
Tel.: 0034 - 957 - 650 150
Web: www.montilla.es


Oficina Municipal de Turismo
C/ Capitßn Alonso de Vargas 3
14550 Montilla
Tel.: 0034 - 957 - 652 354
Web: www.montillaturismo.es
 

Cordoba24 Home | Alberghi | Gastronomia | Attrativi | Turismo attivo | Shopping | Eventi | CittÓ di Cˇrdoba

© Cordoba24 - tutti i diritti riservati